Seconda vita alle batterie di eCitaro

Seconda vita alle batterie di eCitaro

Scritto il 13/05/2021
da Editor

MAGGIO 2021 – Una batteria utilizzata per la trazione degli autobus urbani convertita in accumulatore di energia per i tram: la seconda vita della batteria del Mercedes‑Benz eCitaro.

Con Mercedes-Benz eCitaro a trazione completamente elettrica, l’autobus silenzioso a zero emissioni nel traffico locale, aumenta la vivibilità nelle città e nelle aree urbane. Per la Daimler Buses la tutela ambientale va di pari passo alla conservazione delle risorse. Per questo, Daimler Buses è partner associato del progetto pilota GUW+: nella nuova sottostazione di raddrizzamento della ÜSTRA Hannoversche Verkehrsbetriebe AG è stato realizzato un accumulatore di energia stazionario utilizzando le batterie precedentemente impiegate sugli autobus urbani eCitaro a trazione completamente elettrica. L’azienda che si è occupata della progettazione e della realizzazione di questa soluzione second life è la Mercedes-Benz Energy GmbH di Kamenz, in Sassonia.

La sostenibilità, secondo Daimler Buses, deve essere estesa all’intero ciclo di vita degli autobus e delle batterie. Gustav Tuschen, responsabile Sviluppo Daimler Buses: «L’obiettivo principale che intendiamo perseguire con il nostro autobus urbano a trazione elettrica eCitaro è la tutela dell’ambiente e la preservazione delle risorse. Dopo aver eseguito controlli molto accurati possiamo affermare che nel corso della sua lunga vita il carbon footprint di questo autobus risulta di molto inferiore rispetto a quello registrato negli autobus urbani a trazione convenzionale. E il riutilizzo delle sue batterie ne migliora ulteriormente il bilancio ecologico».

Holger Elix, responsabile Infrastrutture ÜSTRA, illustra un ulteriore aspetto: «I costi di acquisto degli autobus elettrici sono molto elevati. In prospettiva il riutilizzo stazionario delle batterie all’interno dell’azienda rappresenta un’ulteriore possibilità di ammortamento, contribuendo ad accelerare ulteriormente il processo di elettrificazione del sistema di trasporto pubblico su strada».

Una seconda vita per le batterie di eCitaro

Nel bilancio ambientale dei veicoli elettrici le batterie rivestono un ruolo centrale. Chiunque utilizzi uno smartphone è consapevole del fatto che il succedersi dei cicli di carica e di scarica grava sulla batteria, determinando nel tempo una significativa diminuzione della sua capacità. La stessa cosa vale per gli autobus urbani a trazione completamente elettrica. La durata utile delle batterie NMC utilizzate nel Mercedes-Benz eCitaro a trazione completamente elettrica, infatti, si esaurisce dopo circa 5-6 anni con una capacità dell’80 percento circa. Superato questo periodo di tempo, la batteria non è più in grado di garantire l’autonomia richiesta ad un autobus urbano.

Il ciclo di vita di una batteria, però, non è limitato necessariamente al suo utilizzo sul veicolo. Nell’esercizio stazionario la batteria è ancora utilizzabile integralmente – in questo caso, infatti, la riduzione di capacità non rappresenta un elemento significativo. Dopo essere state regolarmente impiegate per la trazione del veicolo, le batterie possono continuare a essere utilizzate nell’esercizio stazionario, con un vantaggio evidente sia in termini economici che dal punto di vista del bilancio ambientale. Ed è proprio per questo motivo che il progetto GUW+ punta sul riutilizzo delle batterie degli autobus elettrici. A partire dal quarto trimestre del 2021 la nuova sottostazione di raddrizzamento della città di Hannover verrà utilizzata per alimentare i tram e gli autobus elettrici della ÜSTRA. L’accumulatore di energia viene utilizzato come tampone per sfruttare in modo efficiente l’energia di recupero generata dai tram durante l’esercizio consentendo il livellamento dei picchi di carico e garantendo il funzionamento del sistema anche in caso di guasti alla rete, nonché l’alimentazione dell’infrastruttura di ricarica pubblica. Il prototipo dell’accumulatore possiede una capacità di circa 500 kWh ed è costituito da circa 20 moduli di batterie; gli stessi che precedentemente hanno consentito all’eCitaro di percorrere migliaia di chilometri durante i percorsi di prova.

Una seconda vita per le batterie di eCitaro

La Mercedes-Benz Energy GmbH si è occupata della progettazione e della realizzazione dell’accumulatore di energia

L’evoluzione di una classica sottostazione di raddrizzamento grazie all’adozione di funzioni intelligenti è stata progettata e testata nell’ambito del progetto GUW+ finanziato dal Ministero federale dei trasporti e delle infrastrutture digitali (BMVI). Oltre all’azienda che guida il consorzio, la ALSTOM Transport Deutschland GmbH (Salzgitter), sono coinvolte nel progetto anche le aziende Elpro GmbH, (Berlino), Motion Control and Power Electronics GmbH (Dresda), Fraunhofer IVI (Dresda) e il Politecnico di Dresda. La Daimler Buses sostiene il progetto in qualità di partner associato, mentre la ÜSTRA AG partecipa al progetto GUW+ testando praticamente la soluzione. Il progetto, avviato nel 2019, ha una durata di tre anni

La Mercedes-Benz Energy GmbH è un’azienda affiliata alla Mercedes-Benz AG che progetta soluzioni innovative per gli accumulatori di energia. L’attività dell’azienda è concentrata sulle applicazioni derivanti dal riutilizzo delle batterie e sugli accumulatori di ricambio. Insieme ai suoi partner, l’azienda ha già messo in funzione tre grandi accumulatori in grado di generare circa 50 MWh. Realizzati utilizzando le batterie precedentemente impiegate negli autoveicoli, gli accumulatori alimentano ora la rete elettrica tedesca. Il primo accumulatore second life è stato collegato alla rete elettrica di Lünen, nella regione della Vestfalia, già nell’ottobre del 2016.

Leggi anche l’articolo sul sito Mercedes-Benz.

Una seconda vita per le batterie di eCitaro
Clicca per votare questo post!
[Total: 0 Average: 0]